ECONOMIE AMBIENTALI S.R.L.

23900 LECCO VIA LEONARDO DA VINCI, 20

T. 0341 286741  F. 0341 286742

info@economieambientali.it

NAZIONALE AGGIORNAMENTO D.LGS. 231/01 E NUOVI REATI PRESUPPOSTOIndietro

Dal 25 dicembre entra in vigore la legge n. 157/2019, di conversione del Decreto Fiscale 2020, che modifica la disciplina penale e la responsabilità amministrativa degli enti derivante da reato, introducendo nuove fattispecie di reati tributari. In particolare, sono previste specifiche sanzioni amministrative per taluni reati tributari commessi nell’interesse o a vantaggio dell'ente. Tali fattispecie, di cui al d.lgs. 74/2000, entrano nel catalogo dei reati presupposto per cui è prevista la responsabilità dell'ente, ai sensi del d.lgs. n. 231/2001.

 

Nel dettaglio, si tratta dei delitti di:

· Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti (Quote: da 100 a 500 –  Euro Min 25.800 Max 774.500)

· Dichiarazione fraudolenta mediante fatture o altri documenti per operazioni inesistenti se l’ammontare degli elementi passivi fittizi è inferiore a €100.000 (Quote: da 100 a 400 – Euro: Min 25.800  Max 619.600)

· Dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici (Quote: da 100 a 500 – Euro: Min 25.800 Max 774.500)

· Emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti (Quote: da 100 a 500 – Euro: Min 25.800 Max 774.500)

· Emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti, se l’importo non rispondente al vero indicato nelle fatture o nei documenti, per periodo d’imposta, è inferiore a 100.000 euro (Quote: da 100 a 400 – Euro: Min 25.800 Max 619.600)

· Occultamento o distruzione di documenti contabili (Quote: da 100 a 400 – Euro: Min 25.800 Max 619.600)

· Sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte (Quote: da 100 a 400 – Euro: Min 25.800 Max 619.600)

Se, dalla commissione dei predetti reati, l’ente ha conseguito un profitto di rilevante entità, la sanzione pecuniaria è aumentata di 1/3.

 

Alla luce delle rilevanti modifiche normative, si consiglia alle imprese che non hanno adottato un Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo, l’implementazione dello stesso, idoneo a prevenire i reati di cui al d.lgs. n. 231/2001, nonché alle imprese che hanno adottato ed efficacemente attuato un Modello di Organizzazione e Gestione, l’integrazione con i nuovi reati presupposto.

Informativa

Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti messaggi pubblicitari mirati e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. il consenso può essere espresso anche cliccando sul tasto OK o sul tasto X oppure proseguendo la navigazione, anche mediante modalità scrolling. OK